Cotton fioc in plastica addio

Cotton fioc in plastica addio

Cotton fioc Italia 2019: #bastaplastica.

Grazie al ministro dell’ambiente Sergio Costa iniziano le manovre per dire addio alla plastica inquinante nei monouso.

Si comincia proprio dai piccoli bastoncini ovattati presenti nelle case di tutti (o quasi) gli italiani.

Bastoncini tristemente presenti anche in tutte le spiagge del nostro bellissimo paese.

Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità

 

Il 2019 è appena iniziato e parte già il divieto, in Italia, di produzione e vendita dei cotton fioc in plastica non biodegradabili e non compostabili.

L’Italia è la prima nazione dell’Europa ad attuare tale bando.

Come più volte ribadito dal ministro Costa, il nostro paese intende anticipare le manovre europee per la lotta alla plastica ed all’inquinamento, diventando un riferimento per la salvaguardia dell’ambiente.

Cotton fioc, chi ben comincia…

La prima significativa operazione è il bando della produzione e vendita di cotton fioc in plastica.

Un piccolo* ma significativo gesto che apre ad un percorso di cambiamento.

La plastica nei mari è divenuto un problema insostenibile per l’intero pianeta, si rendono necessarie misure consistenti da parte di tutti.

Il divieto di vendita e produzione di cotton fioc inquinanti è solo un piccolo inizio, a cui seguiranno, gradualmente, il bando dei monouso in plastica in favore di prodotti biodegradabili ed ecosostenibili.

Dopo i bastoncini, seguiranno cannucce, bicchieri, posate, piatti ecc. Il bando per i monouso è previsto nel 2021

Non si esclude che il nostro ministro dell’ambiente prema sull’acceleratore e anticipi ulteriormente i tempi per rendere l’Italia un punto di riferimento per la lotta alla plastica.

Cotton fioc ed altri monouso, scegliete prodotti ecologici

Noi non possiamo che essere felici di questa presa di posizione dell’Italia riguardo all’inquinamento ed all’uso indiscriminato della plastica.

Lottiamo come sempre in prima linea per offrire soluzioni alternative, biodegradabili, ed ecosostenibili

Ma il più significativo degli interventi resta sempre quello dell’utente finale: siate responsabili anche e soprattutto nelle piccole cose.

 

*solo in apparenza, in realtà i cotton fioc rappresentano ben il 9% dell’inquinamento delle nostre spiagge, fonte: legambiente